Scheda BUS DATI

ultimo aggiornamento 16 giugno 2006


JLCPCB - 2$ per prototipi di PCB, di qualsiasi colore. Produzione in 24 ore!
L'Azienda di prototipi PCB più popolare, con oltre 700.000 clienti in tutto il mondo!
Continua la produzione dei PCB standard a 2 strati durante le festività primaverili


La scheda Bus dati avrà il compito di ricevere le schede: di potenza, controllo del braccio, scheda sensori e di collegamento con i due sensori frontali "Bumper"
Questa scheda viene assemblata con i componenti allegati ai fascicoli dal n° 9 al n° 12


File PDF
LABORATORIO PRATICO

File PDF
COSTRUZIONE DEL PATHFINDER

 

Fascicolo 9 Fascicolo 10 Fascicolo 11 Fascicolo 12

homotix

 

 

 

 
Fascicolo n° 9
1 Circuito stampato Bus Dati 
2 Connettore. maschio 3 poli 90° 
1 Commutatore da c.s. 2 vie 
Fascicolo n° 10
1 Connettore. maschio 14x2 da c.s. 
2 Distanziatori 20 mm 
Fascicolo n° 11
2 Connettore maschio 14x2 da c.s. 
Fascicolo n°12
1 Connettore. maschio 13x2 
1 Connettore. femmina 14x2 

 

 

 

Schema elettrico della scheda

Download Formato PDF

Download Formato Eagle

 

 

Elenco componenti

1 Circuito stampato Bus Dati RV501r3/2
1 Commutatore da c.s. 2 vie
3 Connettori maschi 14x2 da c.s. 
1 Connettore. maschio 13x2 
1 Connettore femmina 14x2
2 Connettori maschi 3 poli 90° 
2 Distanziatori 20 mm

 

 

Inizieremo l'analisi della scheda di interfaccia, la seconda scheda di Pathfinder.
Questa scheda ha il compito di mettere in comunicazione i segnali fra la scheda di controllo, in cui risiede il microcontroller, e le diverse schede di controllo dei motori e dei sensori di cui è composto il robot.
Sarà la scheda base che permetterà a Pathfinder di disporre di una struttura modulare.
Il connettore da 20 pin maschio JP20 della scheda, è il mezzo tramite il quale la scheda di interfaccia si collega alla scheda di controllo.
Attraverso questo connettore, la scheda di controllo invia alimentazione al resto delle schede del robot, e mette a disposizione tutte le linee di ingresso e uscita di cui dispone il microcontroller.
Nella figura possiamo vedere i collegamenti fra questo connettore JP20 e il primo connettore femmina della scheda di interfaccia, JP13.
Come si può vedere in questo connettore femmina abbiamo a disposizione tutti i segnali del microcontroller.
Sul connettore JP13 monteremo due schede, la scheda di ingressi e uscite e la scheda per il microfono.

 

Nell'immagine possiamo vedere i collegamenti sul connettore JP14 e JP15, che sono due connettori femmina che si trovano al centro della scheda. Il connettore JP14 si collegherà alla scheda che controlla i motori incaricati di far muovere Pathfinder.
In JP15 collegheremo la scheda incaricata del controllo del braccio e della pinza del robot.
Possiamo notare che in questi connettori non si trovano tutti i segnali del microcontroller, ma solo quelli necessari per i compiti specifici da svolgere per le schede di potenza e del braccio.

 

Tramite il connettore JP16 collegheremo le schede dei connettori a ultrasuoni e delle luci al robot. Possiamo vedere che i segnali RA 1 e RA2 non arrivano direttamente tramite il connettore maschio JP20, ma passano tramite il commutatore doppio della scheda.
Il commutatore doppio a sua volta è anche collegato ai due connettori maschio, da 3 pin dritti, JP7 e JP8: grazie ad esso possiamo scegliere se collegare i piedini del microcontroller al connettore femmina da 28 pin JP16, oppure ai due connettori maschio da 3 pin JP7 e JP8.
Sui connettori JP7 e JP8 saranno collegati i sensori meccanici tipo finecorsa.
Grazie ad essi il robot sarà avvisato quando entrerà in collisione contro un ostacolo.
Utilizzeremo il commutatore doppio della scheda di interfaccia per scegliere se utilizzare i finecorsa collegati a JP7 e JP8 o utilizzare i rilevatori a ultrasuoni presenti sulla scheda dei sensori che sarà collegata a JP16.

 

Elenco revisioni:
16/06/2006 Aggiornato pagina inserimento file PDF Costruzione e Laboratorio
17/09/2004 Aggiornato pagina