ARDUINO
I/O Expansion Shield V4

ultimo aggiornamento 17 agosto 2011


JLCPCB - 2$ per prototipi di PCB, di qualsiasi colore. Produzione in 24 ore!
L'Azienda di prototipi PCB più popolare, con oltre 700.000 clienti in tutto il mondo!
Continua la produzione dei PCB standard a 2 strati durante le festività primaverili


La scheda DFRobot I/O Expansion Shield V4 permette l'espansione della scheda Arduino offrendo un metodo semplice per collegare sensori, servomotori, ect
Sono disponibili i collegamenti agli ingressi dgitali I / O e pin di ingresso analogico con relativo terminale di alimentazione e GND.
Fornisce inoltre un collegamento separato ai pin PWM, compatibili con il connettore servo standard.
Un'altra caratteristica è che la scheda dispone di un convertitore RS485 che permette ad Arduino di comunicazione con dispositivi RS485.
Il connettore di comunicazione fornisce un modo estremamente semplice per collegare un modulo wireless come APC220 Radio Data Module (SKU: TEL0005) e DF-BluetoothV3 modulo Bluetooth (SKU: TEL0026).
E' dotato di un ingresso singolo di alimentazione per Servi. Un ponticello di alimentazione del servo consente agli utenti di selezionare come alimentazione per i servo quella interna o quella esterna.

homotix

Specifiche

L'interfaccia RS485

Il bus di collegamento RS485 è generalmente formato da un cavo con due conduttori attorcigliati (twisted-pair) e una schermatura che collega i vari dispositivi.

Un bus formato da due soli fili è un bus detto half-duplex nulla toglie di raddoppiare il bus portandolo a quattro fili e ottenendo così un bus full-duplex.
Un buon bus RS485 lo si ottiene restando tra i 400 e i 500m di lunghezza massima. Ovviamente riducendo la velocità del bus è possibile arrivare anche a 1200m.
Poiché i moduli collegati sulla rete risentono anche notevolmente delle differenze di massa che si vengono a creare, soprattutto su reti molto lunghe, è consigliabile usare degli accoppiatori RS485 separati galvanicamente.
La trasmissione e del tipo differenziale ovvero il segnale è il risultato della differenza tra le tensioni dei due fili che compongono il bus

I trasmettitori RS485 mettono a disposizione (sotto carico) un livello in uscita di ±2 V tra le uscite A e B, i ricevitori riconoscono livelli di ±200 mV ancora come segnale valido.
Questa tecnica permette un'ottima immunità ai disturbi anche su tratte di cavo molto lunghe.
Tipicamente la sezione del cavo può essere di 24 o 22 AWG per medie distanze, e dovrà essere aumentata nel caso di lunghe tratte.
Per minimizzare le riflessioni, il primo e l'ultimo dispositivo della rete devono avere una resistenza terminatrice collegata in parallelo alla linea.
L'opzione sopra non è vera nel caso la linea sia fatta a stella per cui la posizione della resistenza di terminazione andrà provata sperimentalmente.
In questo tipo di rete, peraltro molto rara, si mette una resistenza di terminazione sul centro stella e la seconda resistenza sul nodo più lontano dal centro stella.
Lo standard RS485 teoricamente può supportare fino a 32 dispositivi connessi sul bus (con i moderni 485 si arriva tranquillamente a 128 nodi e con alcuni 485 particolari e per questo costosi si arriva sino a 256 nodi).
Tipicamente è necessario usare resistenze di terminazione il cui valore varia da 120 a 560 ohm, si veda più avanti le spiegazioni su come scegliere le resistenze di terminazione.

SP485CN Low Power Half-Duplex RS-485 Transceivers
Piedinatura Datasheet Foto dell'integrato

 

Pin#  

Name  

Description

1  

RO  

Receiver Output.

2  

RE  

Receiver Output Enable Active LOW.

3  

DE  

Driver Output Enable - Active HIGH.

4  

DI  

Driver Input.

5  

GND  

Ground Connection.

6  

A  

Driver Output/Receiver Input - Non-inverting.

7  

B  

Driver Output/Receiver Input - Inverting.

8  

Vcc  

Positive Supply 4.75V<Vcc< 5.25V.

 

Elenco revisioni
17/08/2011 Emissione preliminare